Biolife - Fiera dell'eccellenza regionale biologica - Fiera Bolzano
 
AZIENDA AGRICOLA LE DUE BENEDETTE - TORINO
ARGITAL - POZZALLO - RG
astorflex calzaturificio - ragioniamo con i piedi - Castel d'Ario
caput villa cioccolateria
.

Un ricco programma collaterale dedicato al biologico.

Tre giornate interamente dedicate alle eccellenze bio regionali - con ampi spazi per la degustazione pensati appositamente per ristoratori e albergatori - impreziosite da un nutrito programma collaterale di incontri informativi, degustazioni e convegni rivolti agli operatori dell’ho.re.ca. Tutto questo si potrà trovare a “Biolife”, la vetrina dell’eccellenza biologica regionale che si svolgerà nel quartiere fieristico di Bolzano.

Questo appuntamento nasce per favorire la conoscenza e il confronto tra le diverse esperienze che si stanno sviluppando nei territori urbani e per mettere al centro dell’attenzione il tema del “cibo buono, biologico e solidale”. Durante la tre giorni si alterneranno dimostrazioni pratiche con ingredienti biologici e biodinamici. Sono in programma conferenze sull’alimentazione vegana e sulla celiachia, in collaborazione con AIC Alto Adige e Trentino.

Il Sito Ufficiale
..


Nel corso del tempo si è definito chiaramente quale tipologia di espositore e visitatore ha interesse ed ama frequentare la manifestazione.

ESPOSITORE

BIOLIFE a tutt'oggi manifestazione prevalentemente alimentare, ha visto negli ultimi 2 anni una sensibile crescita del settore tessile e cosmesi, quest’ultimo d'interesse sia per privato che per le grandi strutture professionali, quali SPA, Beauty-center, centri d´estetica o grandi alberghi. Le caratteristiche principali delle aziende che partecipano a Biolife sono le seguenti:

- prodotto tipico dell'eccellenza regionale italiana
- piccoli volumi produttivi e qualità particolarmente elevata
- imprese di piccola dimensione
- interessate alla vendita diretta (le più piccole) ed al mercato professionale di alta fascia (le più grandi)
- non operano nel canale GDO

VISITATORE

BIOLIFE è un evento di interesse sia per gli appassionati del bio che per chi ama l'alta qualità.
Per quanto riguarda il consumatore finale, visita la manifestazione il bio convinto proveniente un pò da tutta Italia (GAS compresi) ed il pubblico generico locale e delle regioni limitrofe.
Il professionista, invece, rappresentato da ristoratori, albergatori, estetiste, commercianti, cuochi, barman, piccolo commercio, opera in Alto Adige o proviene dalle aree più vicine, come il Nord Italia, l'Austria e la Germania del Sud.

I SETTORI MERCEOLOGICI

- Alimentazione e bevande
- Cosmesi
- Piante officinali e derivati
- Tessuti ed abbigliamento
- Prodotti per l´agricoltura
- Alimenti zootecnici
- Servizi
- Istituzioni, associazioni, enti di certificazione.

RESOCONTO DELLA SCORSA EDIZIONE

Ecco la sintesi sull'impressione degli espositori e degli operatori intervenuti alla scorsa edizione corredata da qualche numero significativo su presenze e riuscita.

Il parere degli espositori ...

Franco D’Occhio (Consorzio Bio.Cor.)
È il terzo anno consecutivo che veniamo a Biolife e per noi è sempre un piacere essere presenti. Siamo un consorzio di piccole aziende biologiche che puntano soprattutto alla qualità.
Riteniamo che Biolife sia una fiera unica nel suo genere: seria, qualificata e selettiva.
Per noi rappresenta un’importante momento di promozione verso il pubblico, per far conoscere i nostri prodotti ad una nicchia particolarmente difficile come quella del bio.

Fabrizio Floris (S’Atra Sardigna)
Questa è per noi la seconda presenza consecutiva a Biolife: un evento molto ben organizzato durante il quale ci siamo sentiti perfettamente supportati dall'organizzazione.
Oltre alla presenza di un pubblico numeroso, attento e competente rispetto al mondo del biologico, buona la partecipazione di operatori del settore: abbiamo potuto confermare ed accrescere i rapporti già avviati nel 2010.
Un evento sicuramente da ripetere e da raccomandare.

Jutta Staffler (Bioland Alto Adige)
Biolife ha dimostrato che l’agricoltura biologica in Alto Adige si è ormai radicata nella cultura. Molti i segnali che confermano la strada da noi intrapresa: la diversificazione dell’offerta degli agricoltori biologici locali, le specialità biologiche da tutta Italia e dai paesi vicini, ed il vivo e soddisfacente interesse dei visitatori. In questo contesto Biolife è una piattaforma per la sensibilizzazione continua del pubblico verso le tematiche del biologico e della sostenibilità.

... e degli operatori

Chef Arturo Spicocchi - LA STUA DE MICHIL (La Perla - Corvara): "quest´anno ho visitato Biolife per la prima volta ed ho trovato molti aspetti interessanti. Molto valida l´offerta di prodotti alimentari, davvero di qualitá, ed il piacere di scoprirne l´origine e le caratteristiche direttamente dai produttori. Per noi che operiamo nella ristorazione di alta fascia queste produzioni sono indispensabili perché ci assicurano la materia prima adatta alla nostrra offerta. Senza considerare poi tutti gli impatti sulla sostenibilitßa ambientale."

Franz Hillebrand - BIONEGOZI TRIADE (Alto Adige): "visitiamo la fiera ormani da molti anni. Nel nostro percorso di conoscenza dei prodotti biologici, soprattutto quelli regionali, e di costruzioen dell´offerta (abbiamo ad oggi tre bionegozi in tutta la provincia), Biolife é stata molto importante. Grande peso anche sotto il profilo della comunicazione e sensibilizzazione verso il pubblico, fattore rilevante nella costruzione del nostro mercato."

Manuela Irsara - CLUSTER ALPINE WELLBEING (TIS - Bolzano): "come responsabile dell´area wellness del TIS, impegnata nel seguire ed orientare le nostre aziende verso una maggiore qualitá della produzione cosmetica, trovo fondamentale la scelta di Biolife di stabilire criteri di ammissibilitá alla manifestazione anche per i prodotti per il corpo. Pur non esistendo ad oggi una regola globalmente condivisa, sono da valorizzare iniziative di questa natura, sia per la tutela del consumatore che per la soddisfazione dei produttori piú vistuosi."


Area espositiva complessiva
Fiera Bolzano offre complessivamente 40.000 mq di area espositiva su un unico livello. Di questi, 25.000 mq sono coperti e 15.000 mq costituiscono l'area scoperta.

Divisibilità
Possono essere utilizzate pareti divisorie mobili per creare ed adattare spazi a seconda delle necessità delle diverse manifestazioni. In questo modo è possibile creare un ambiente piacevole e positivo. Inoltre, possono svolgersi contemporaneamente due o più manifestazioni.

Regolazione del traffico
L'allestimento e il disallestimento degli stand con l'aiuto dei mezzi di trasporto è regolato in modo preciso, per garantire uno svolgimento senza problemi. I mezzi di trasporto possono entrare direttamente nell'area espositiva e dopo aver scaricato, possono essere parcheggiati sul tetto della fiera o nei parcheggi nelle immediate vicinanze.

Tecnica moderna
Aiuta gli espositori presenti in fiera a svolgere al meglio il loro lavoro. Corrente elettrica, attacchio TV e SAT, connettivitá WIFI, linee telefoniche e ISDN, acqua e scarichi d'acqua su tutta la superficie fieristica sono servizi standard.

Struttura
Nel cuore del quartiere fieristico di Fiera Bolzano si trovano il padiglione espositivo e e l'area espositiva scoperta. I parcheggi per i visitatori sono comodamente situati sul tetto del padiglione e sono raggiungibili da via Marco Polo, in cui si trova anche in parcheggio interrato per gli espositori.

Su via Buozzi si affacciano l'Hotel Four Points Sheraton, il Centro Congressi ed il Centro Servizi (che ospita anche gli uffici di FIera Bolzano) con "Piazza Fiera".

La struttura polifunzionale "Palaonda", gestita da Fiera Bolzano, ospita concerti, manifestazioni sportive, spettacoli ed é accessibile da Via Galvani.

Il quartiere è stato inaugurato nel 1998.

Fiera Bolzano SPA
Piazza Fiera 1 - 39100 Bolzano - Bozen
tel + 39 0471 516000 - fax + 39 0471 516111
info@fierabolzano.it - www.fierabolzano.it

“Biologico” e “trasparente”, un binomio che conviene

Nella competizione per la conquista del mercato, ha maggiori probabilità disuccesso chi è in grado di dimostrare con trasparenza la provenienza di un prodotto biologico: è una delle conclusioni cui è giunto, in Germania, l’Ufficio Federale per l’Agricoltura e l’Alimentazione, autore del rapporto “Bio-Siegel 1/2010” (www.bio-siegel.de). Per quel che concerne il comparto economico italiano, gli operatori guardano con curiosità a “BIOLIFE 2011”.

L’ultimo rapporto “Bio-Siegel” (www.bio-siegel.de), redatto di recente in Germania dall’Ufficio Federale per l’Agricoltura e l’Alimentazione, parla chiaro: per conquistare nuove fette di mercato non basta proporre genericamente un prodotto ecologico ma occorre farlo garantendone, con onestà e trasparenza, la provenienza. I generi alimentari ecologici sono sempre più graditi ed hanno abbandonato la veste di prodotti di nicchia visto che oramai trovano posto nelle abitudini di consumo del pubblico più consapevole e nella ristorazione più autorevole ma solo se frutto di sostenibilità, ambientale, economica e sociale. Questi infatti gli aspetti più rilevanti nella scelta di acquisto dei consumatori e la base della differenza tra il biologico industriale, tipico dei mercati internazionali, e la piccola produzione di qualità, caratteristica propria del territorio italiano e dei relativi operatori.

Questo il concetto di biologico da sempre seguito da BIOLIFE, manifestazione che dal 2004 presenta l’eccellenza regionale biologica certificata e promuove stili di vita rispondenti ai modelli di sviluppo sostenibile evidenziando il biologico in termini di protezione ambientale, sicurezza alimentare, consumo sostenibile, riscoperta di sapori e tradizioni.
Sostenuta dalle principali associazioni di produzione (Bioland, AIAB, Demeter, Bio Austria) e dagli operatori più significativi (ICEA, Coldiretti, Agribio, TIS) BIOLIFE si svolge in Trentino Alto Adige, una regione nella quale la difesa dell’ambiente riveste un ruolo di primaria importanza e dove il territorio si è, finora, salvato dall’invasione degli OGM.

Con BIOLIFE gli organizzatori si prefiggono di diffondere la cultura e la filosofia della coltivazione biologica e di trasmettere un concetto di vita sana e naturale. La rassegna, che nel 2010 ha contato 37.000 visitatori, presenta un comparto agroalimentare vario, con una presenza sempre più importante di cosmesi e tessile e si rivolge non solo al consumatore finale ma anche ad una clientela professionale di qualità, inquadrata nel gourmet (gastronomia e ristorazione, piccoli importatori esteri di delicatezze italiane) e nella ricezione turistica di alto livello. Con un programma molto interessante per l’edizione 2011, BIOLIFE è una buona opportunità per la vendita diretta al pubblico e per il contatto con nuovi partner commerciali. Pur mantenendo la propria precisa connotazione, BIOLIFE si svolge in contemporanea alla Fiera d’Autunno, storica manifestazione di Fiera Bolzano, che lo scorso hanno ha attirato quasi 50.000 visitatori. La vicinanza di tale specifico evento sarà tra l’altro un ulteriore punto di forza per il successo del comparto cosmesi di BIOLIFE.
 

A Biolife trovate produttori provenienti da tutta Italia, che con passione ed orgoglio presenteranno le particolarità ed il valore del loro lavoro. Gusto superiore, alta qualità organolettica, rintracciabilità e sicurezza alimentare, tradizione del territorio e rispetto dell'ambiente.

Food
Oltre 2000 prodotti, tra materie prime, farine e riso, formaggi, salumi, condimenti, bevande e vini, mostreranno quanto la nostra buona agricoltura è capace di coniugare le esigenze del gourmet più ricercato e della salute.

Non Food
Oltre all’alimentare, sempre più importante l’area dedicata alla cosmesi, per la quale esiste un protocollo di ammissibilità studiato da Biolife, ed al tessile.

E’ consuetudine di Biolife ospitare a margine della manifestazione alcuni momenti culturali ed informativi rivolti al pubblico come agli operatori.

Per questa edizione sono previsti diversi incontri dedicati alla salute alimentare ed al consumo sostenibile, ma anche degustazioni riservate agli operatori a promozione del prodotto e dei territori.

In più, alcune sessioni di approfondimento su tematiche enogastronomiche tenute da produttori e tecnici di grande esperienza.

In linea di massima:
-Prodotti: degustazioni di olio d’oliva, legumi, formaggi e vini;
-Territori: degustazioni organizzate da varie regioni d'Italia presso i loro stand.

.

EVENTI BIOLIFE E NUTRISAN

E’ consuetudine di Biolife ospitare a margine della manifestazione alcuni momenti culturali ed informativi rivolti al pubblico come agli operatori.
Gli incontri saranno dedicati alla salute alimentare ed al consumo sostenibile, ma si svolgeranno anche degustazioni riservate agli operatori a promozione del prodotto e dei territori.

Questi gli eventi in programma:

conferenza sull’alimentazione vegana – domenica 9 novembre, ore 14.30, presso la Sala Vajolet
incontro dei Sindaci e delle Città del Bio, per discutere di proposte e suggerimenti in vista dell’incontro sul tema “Le politiche alimentari delle Città, la collaborazione tra territori urbani e territori rurali” che si svolgerà a Torino nell’ottobre 2015, inserito nei programmi dell’Expo e nell’ambito del “III° Forum Mondiale sullo Sviluppo Locale” – venerdì 7 novembre presso la Sala Latemar
ristorazione biologica presso la corsia B11 nel padiglione – tutti i giorni
conferenza sulla celiachia in collaborazione con AIC Alto Adige e Trentino - Domenica 9 novembre presso la Sala Latemar, ore 10.00-12.30 e ripetizione alle ore 14.30-17.00
dimostrazioni di cucina per intolleranti al glutine con Marco Scaglione, ore 15.00 -17.00, presso lo stand AiC A03/06
convegno "I miti dell'alimentazione nella vita quotidiana"
Programma del convegno "I miti dell'alimentazione nella vita quotidiana":

Sabato 8 novembre presso la Sala Latemar.

14.00 Introduzione della moderatrice Petra Schrott

14.05 – 14.25 “Buono da morire” - lingua dell'intervento italiano
Prof. Gabriella Morini

14.30 – 14.50 “Le diete – salute o ossessione?” - lingua dell'intervento tedesco
Raffaela Vanzetta

14.55 – 15.15 “Il mondo delle diete” - lingua dell'intervento italiano
Claudia Ferrari

15.20 – 15.40 “Il vero e il falso degli integratori alimentari” – lingua dell'intervento tedesco
Barbara Telser

15.45 – 16.00 „ Cosa so della nutrizione nello sport amatoriale?” - lingua dell'intervento tedesco
Gerd Locher

16.00 - 17.00 Tavola rotonda con i relatori che rispondono alle domande del pubblico

Ulteriori informazioni ed iscrizione al congresso presso la sala.

1° CONGRESSO NAZIONALE DELLA FEDERAZIONE DELL'ECONOMIA DEL BENE COMUNE

Sabato 23 novembre - Ore 9.00 - 12.30
Luogo: Conference Area Vajolet/Latemar all'interno del padiglione fieristico, settore C, livello 0
Partecipazione: gratuita

Nell´edizione 2013 di Biolife saranno presenti importanti appuntamenti internazionali. Quest´anno il fulcro della fiera sarà il 1° Congresso nazionale della Federazione dell´Economia del Bene Comune con una parte aperta al pubblico ed una parte specifica di workshop per gli addetti ai lavori. La giovane Federazione, nata a Bolzano all´inizio del 2013, è il ramo italiano di un movimento ormai diffuso in tutto il mondo che conta oltre 5.000 iscritti e più di 1.000 aziende che hanno scelto una via nuova per lavorare e per vivere. Il pensatore ed ideatore del movimento, Christian Felber (Austria) in realtà non ha fatto altro che riassumere pochi e semplici punti un modello per tornare a vivere e lavorare secondo criteri e valori sani, etici, dove il denaro è un mezzo e non un fine, e dove il fine ultimo è il rispetto del pianeta, delle persone e di processi di lavoro equi nel rapporto con i dipendenti, fornitori, smaltimento dei rifiuti, riduzione di emissione di Co2, e cosi via. Sono anni ormai che si respira nell´aria l´esigenza di un rinnovamento profondo nei costumi, nelle abitudini e soprattutto nei processi economici. Ecco perché Biolife sostiene non solo un mangiare sano ma promuove automaticamente un vivere sano ed un agire economico proprio in sintonia con la filosofia di Christian Felber.
Sito: www.economia-del-bene-comune.it

CONFERENZA SULLA COSMESI ECO BIO

Sabato 23 novembre 2013 - Ore: 14.30-17.00
Luogo: Conference Area Vajolet/Latemar all'interno del padiglione fieristico, settore C, livello 0
Partecipazione: inclusa nel biglietto d'ingresso

Un report COLIPA (Associazione europea dell’industria cosmetica) attribuisce, solo in Europa, un consumo giornaliero pro capite di prodotti cosmetici pari a 12 grammi, il che, per una popolazione di 495 milioni di persone, corrisponde a 6000 tonnellate al giorno! In un contesto in cui sempre più è necessario uno sguardo attento verso l’ambiente e la salute dell’uomo, anche la cosmesi deve fare la sua parte. Utilizziamo nel quotidiano prodotti che sono potenzialmente allergenici, sensibilizzanti e aggressivi per la pelle. Le sostanze che ci spalmiamo addosso, spesso di origine petrolifera, sono altamente inquinanti fin dalla fase di produzione, per non parlare poi di quando finiscono nei nostri scarichi. Una cosmesi rispettosa dell’uomo e dell’ambiente che lo circonda è non solo possibile ma necessaria. Per approfondire la tematica si terrà una conferenza sulla Cosmesi Eco Bio, in cui si parlerà dell’importanza di una cosmesi amica della pelle e dell’ambiente, dando anche le prime indicazioni per la lettura delle etichette (INCI).

Bolzano è la città capoluogo della Provincia autonoma di Bolzano, nonché dell'omonimo comprensorio. La sua popolazione, è circa per il 73% di lingua italiana, per il 26% di lingua tedesca e per l'1% di lingua ladina; l'agglomerato urbano bolzanino sale a 140.000 abitanti se si conta l'intera popolazione della conca. Il clima della città, situata in un fondovalle alpino, risulta essere continentale, con minime invernali spesso sotto zero e massime estive anche oltre i 35°C. Le precipitazioni sono piuttosto scarse e generalmente sotto forma di neve in inverno mentre risultano essere abbondanti in estate.

Negli ultimi anni Bolzano si è sviluppata moltissimo nel campo teatrale e musicale. A Bolzano sono presenti numerosi teatri. Il Nuovo Teatro Comunale, modernissimo edificio inaugurato nel 1999, è il principale polo teatrale della regione e dispone di una sala grande con una capienza di 802 posti e di un teatro studio da 215. L'Auditorium Haydn è anch'esso stato inaugurato nel 1999 ed ospita numerosi concerti sinfonici, tra cui vi è il Concorso Pianistico Internazionale Ferruccio Busoni. Ha una sala grande di 641 posti e una piccola di 100. Il Kulturhaus Walther von der Vogelweide (Casa della cultura Walther von der Vogelweide) è un teatro con 536 posti e mette in scena spettacoli in lingua tedesca. Il Teatro Cristallo mette in scena spettacoli in lingua italiana e ha più di 500 posti. Il Teatro Comunale di Gries mette in scena spettacoli in entrambe le lingue ed ha una capienza di 373 posti. Il Piccolo teatro Carambolage è un importante piccolo teatro con una capienza di soli 99 posti, ma con un'ampia offerta di spettacoli e cabaret. Il Teatro Rainerum con una capienza di 400 posti, ogni anno mette in scena (tra le altre cose) un musical organizzato da studenti del Liceo Scientifico Europeo Rainerum (dove si trova il teatro). Molto numerosi inoltre sono i centri e le sale polifunzionali e di quartiere o i circoli culturali con un'ampia offerta.

Numerosi sono i castelli sul territorio comunale o nelle immediate vicinanze: per questo motivo la conca di Bolzano è stata dichiarata la zona con la più alta densità di castelli in Europa.

Castel Firmiano (Schloss Sigmundskron) domina dall'alto il corso del fiume Adige. È stato ristrutturato ed ora è la sede principale del Museo della Montagna ideato dal famoso alpinista Reinhold Messner.

Castel Flavon (Haselburg) domina il rione di Aslago (Oberau-Hasloch) ed ha subito una recente importante ristrutturazione.

Castel Mareccio (Burg Maretsch) è situato in pieno centro storico, lungo il corso del Talvera, circondato da vigneti. Affreschi del XVI secolo; alcune sale vengono adibite a numerose e prestigiose mostre temporanee.

Castel Novale (Schloss Ried) è situato all'imbocco della Val Sarentina (Sarntal).

Castel Roncolo (Schloss Runkelstein) è posto all'imbocco della Val Sarentina. È detto il "maniero illustrato" per gli affreschi trecenteschi. Ampio spazio dedicato a mostre permanenti e temporanee.

Castel Sant'Antonio (Schloss Klebenstein), dimora nobiliare del XIII secolo.

Castel Weinegg si trova alle pendici del Virgolo (Vigl).

Torre Druso
è una torre merlata, unici resti visibili dello scomparso Castello di Treuenstein. Nota anche come Gescheibter Turm.
.

.

 

DELIZIA DELICATESSEN - MERANO - MERAN - BZ
MERANER WEINHAUS - LANA - MERANO - MERAN - BZ
PUR SÜDTIROL ONLINE SHOP - LANA - MERANO - MERAN - BZ
bio occhiali - bio-occhiali
BLISS AYURVED - BIOLIFEA -